IDEE SCHIAVE

venerdì 23 maggio 2008

IL SOLE NEL BICCHIERE




Questa reazione è il punto di arrivo di tutte le questioni energetiche : è la reazione che alimenta il sole. Nel sole la Reazione avviene grazie all'immensa gravità che c'è, noi per riprodurla abbiamo creato immensi magneti per ingabbiare e ricreare forti campi per far fondere i nuclei come il Tokamak. Il costo è enorme e ci sono numerosi limiti perchè i materiali non riescono a reggere quelle temperature. Ma il professor Arata, continuando la via aperta da Fleischmann e Pons, è riuscito a stabilizzare la Fusione Fredda

Potremmo avere nello scantinato di casa dei dispositivi sotto pressione (100 atm metà di una bombola a metano) che ci forniscono energia elettrica.

In poche parole: il sole in un bicchiere.

Non vendo fumo :

Nel 1991 Arata ha fatto una pubblicazione dove mostrava già pesanti evidenze sulla fusione

http://ci.nii.ac.jp/naid/110001244151/en/

http://www.springerlink.com/content/8k5n17605m135n22/

Qui ci sono immagini e link dell'esperimento :

http://nextbigfuture.com/2008/05/reproducable-cold-fusion-excess-heat.html

Vari link:
http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=24628&sez=HOME_SCIENZA

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2008/05/nucleare-fusione-fredda.shtml?uuid=d215abee-2803-11dd-9bec-00000e25108c&DocRulesView=Libero


http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Tecnologia%20e%20Business/2008/05/samurai-caravita.shtml?uuid=1af305be-2804-11dd-9bec-00000e25108c

http://en.wikipedia.org/wiki/Yoshiaki_Arata E' l'unica persona in vita a potersi fregiare dell'order of culture

http://www.mail-archive.com/vortex-l@eskimo.com/msg25738.html

http://gizmodo.com/393119/scientist-creates-cold-fusion-for-the-first-time-in-decades

http://atomic-motor.blogspot.com

http://www.geocities.jp/hjrfq930/FTEssay/Essays/Celani.htm

http://www.wikio.it/news/Yoshiaki+Arata

http://physicsworld.com/blog/

http://newenergytimes.com/news/2008/29img/Arata-Demo.htm

http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp

http://en.wikinews.org/wiki/Leading_Japanese_researcher_demonstrates_publicly_a_cold_fusion_reactor

http://science6.2ch.net/test/read.cgi/sci/1211498984/141n-

http://www.ecoblog.it/post/6023/fusione-a-freddose-in-giappone-funziona-in-italia-e-censurata

http://ci.nii.ac.jp/naid/110001244151/

http://www.azonano.com/news.asp?newsID=6472

http://www.ioriocirillo.com/ita/index.php

Ora bisogna far si che i soldi vengano messi in questa ricerca, non nel vecchio Nucleare! Ragazzi bisogna informare la gente!

Per chi ha dubbi sulla rivelazione dellElio-4 :

Il quadrupolo di massa usato dall'Accademico Yoshiaki Arata è il
migliore, in assoluto, attualmente in commercio. E' cioè, ad ALTA
RISOLUZIONE. Il suo nome completo è: HR-QMS (High Resolution-Quadropole Mass
Spectrometer). La ditta costruttrice è la ULVAC, costo, con vari accessori,
oltre 300000 € .
Tale strumento è nato per poter distinguere, tra l'altro, Deuterio da 4He.
Ha effettuato numerose misure al riguardo e pubblicato tali risultati,
nell'ambito di vari articoli.

On 23 March 1989 Martin Fleischmann of the University of Southampton, UK, and Stanley Pons of the University of Utah, US, announced that they had observed controlled nuclear fusion in a glass jar at room temperature, and — for around a month — the world was under the impression that the world's energy woes had been remedied. But, even as other groups claimed to repeat the pair's results, sceptical reports began trickle in. An editorial in Nature predicted cold fusion to be unfounded. And a US Department of Energy report judged that the experiments did "not provide convincing evidence that useful sources of energy will result from cold fusion."

This hasn't prevented a handful of scientists persevering with cold-fusion research. They stand on the sidelines, diligently getting on with their experiments and, every so often, they wave their arms frantically when they think have made some progress.

Nobody notices, though. Why? These days the mainstream science media wouldn't touch cold-fusion experiments with a barge pole. They have learnt their lesson from 1989, and now treat "cold fusion" as a byword for bad science. Most scientists agree, and some even go so far as to brand cold fusion a "pathological science" — science that is plagued by falsehood but practiced nonetheless.

There is a reasonable chance that the naysayers are (to some extent) right and that cold fusion experiments in their current form will not amount to anything. But it's too easy to be drawn in by the crowd and overlook a genuine breakthrough, which is why I'd like to let you know that one of the handful of diligent cold-fusion practitioners has started waving his arms again. His name is Yoshiaki Arata, a retired (now emeritus) physics professor at Osaka University, Japan. Yesterday, Arata performed a demonstration at Osaka of one his cold-fusion experiments.

Although I couldn't attend the demonstration (it was in Japanese, anyway), I know that it was based on reports published here and here. Essentially Arata, together with his co-researcher Yue-Chang Zhang, uses pressure to force deuterium (D) gas into an evacuated cell containing a sample of palladium dispersed in zirconium oxide (ZrO2–Pd). He claims the deuterium is absorbed by the sample in large amounts — producing what he calls dense or "pynco" deuterium — so that the deuterium nuclei become close enough together to fuse.

So, did this method work yesterday? Here's an email I received from Akito Takahashi, a colleague of Arata's, this morning:

"Arata's demonstration...was successfully done. There came about 60 people from universities and companies in Japan and few foreign people. Six major newspapers and two TV [stations] (Asahi, Nikkei, Mainichi, NHK, et al.) were there...Demonstrated live data looked just similar to the data they reported in [the] papers...This showed the method highly reproducible. Arata's lecture and Q&A were also attractive and active."

I also received a detailed account from Jed Rothwell, who is editor of the US site LENR (Low Energy Nuclear Reactions) and who has long thought that cold-fusion research shows promise. He said that, after Arata had started the injection of gas, the temperature rose to about 70 °C, which according to Arata was due to both chemical and nuclear reactions. When the gas was shut off, the temperature in the centre of the cell remained significantly warmer than the cell wall for 50 hours. This, according to Arata, was due solely to nuclear fusion.

Rothwell also pointed out that Arata performed three other control experiments: hydrogen with the ZrO2–Pd sample (no lasting heat); deuterium with no ZrO2–Pd sample (no heating at all); and hydrogen with no ZrO2–Pd sample (again, no heating). Nevertheless, Rothwell added that Arata neglected to mention certain details, such as the method of calibration. "His lecture was very difficult to follow, even for native speakers, so I may have overlooked something," he wrote.

It will be interesting to see what other scientists think of Arata's demonstration. Last week I got in touch with Augustin McEvoy, a retired condensed-matter physicist who has studied Arata's previous cold-fusion experiments in detail. He said that he has found "no conclusive evidence of excess heat" before, though he would like to know how this demonstration turned out.

I will update you if and when I get any more information about the demonstration (apparently there might be some videos circulating soon). For now, though, you can form your own opinions about the reliability of cold fusion.

20 commenti:

Anonimo ha detto...

Questo l'hai visto?
http://www.rainews24.rai.it/ran24/inchieste/19102006_rapporto41.asp

Anonimo ha detto...

si, lo so . In Italia lo sapevamo già. Ma che ci vuoi fare...

deepspace1

Anonimo ha detto...

http://physicsworld.com/blog/

Deepspace1 ha detto...

Grazie mille wil, fai girare la notizia. Non ascoltare quelli che dicono che bisogna aspettare le pubblicazioni : con il metodo del peer review filtrano tutte le cose che vogliono essere pubblicate

lucio ha detto...

Questa si che e'la notizia del secolo.Ma che dico del millenio...
Questa scoperta potrebbe essere la rinascita dell'umanita.
Che altro dire ancora?????
Bisogna informare la gente che esiste questa tecnologia , e farlo subito, prima che venga affossata dai petrolieri .
Buona fortuna umanita' .e che Dio sia con noi. E forse questa volta ha steso veramnte la Sua mano.

Deepspace1 ha detto...

Non so se Dio c'entra qualcosa, certo che il prof. Arata c'ha messo del suo :-)

ivo serenthà ha detto...

Complimenti alla tua idea di blog,davvero interessante,t'ho scovato tramite lo spazio dell'illustre Travaglio,posterò anch'io a riguardo,dobbiamo fare tutto il possibile per contrastare le lobby delle grandi opere.

Saluti,Ivo

Deepspace1 ha detto...

Grazie ivo ,linka il più possibile :-)

Anonimo ha detto...

Una domanda da non esperto: Quanto costa produrre il "combustibile" per la fusione fredda?

Il sole potra` anche stare nel bicchiere, ma se per produrre quel bicchiere mi serve tutto quello che stiamo cercando di evitare di usare siamo punto e a capo.

Qualche parola a riguardo?

Potresti postare anche link ad articoli scientifici e non solo a giornali?

Grazie per le info.

Deepspace1 ha detto...

il deuterio e il trizio si ricavano dal mare. L'energia per estrarre il deuterio e il trizio è inferiore a quella di estrarre l'uranio. Bisogna solo distillare l'acqua del mare come per ottenere l'acqua pesante .
Le pubblicazioni usciranno se non le fermano, intanto nel nuovo post linkerò le scoperte fatte dal nostro cnr e snobbate.

Anonimo ha detto...

Grazie per la risposta.

Francamente la fai un po' semplice.

Due click di wikipedia e si scopre che per ricavare i nostri due eroi o si deve andare sui fondali oceanici (come?), o si deve far bollire l'acqua con un procedimento lungo e complicato (quindi con tanta energia!), oppure si usa l'elettrolisi (quindi ci serve l'energia elettrica, la stessa magari che e` stata prodotta con gli stessi, una specie di circolo vizioso) oppure... con un reattore nucleare!!!

Insomma. A me non sembra che ci sia tutta questa facilita` e convenienza.

Comunque non essendo esperto le mie sono solo opinioni.

Nel frattempo aspetto il tuo post con gli articoli scientifici.

A presto!

dart76 ha detto...

Fatto girare a più non posso, ero già a conoscenza della fusione fredda la seguo da anni.
Adesso è ora di muoversi!
Grazie a tutte le persone come noi magari qualcosa cambierà!

Deepspace1 ha detto...

Non la faccio semplice. Il deuterio e il trizio ci sono in abbondanza nel mare. Le scorie inerti (elio), ed energia a profusione . Se seguissi il tuo ragionamento nemmeno estrarre petrolio sarebbe una buona idea perchè costruire una piattaforma petrolifera costa energia . Io ho fatto un pò di calcoli tenendo conto il costo del palladio e tutti i costi connessi : una centrale da 20 Megawatt csterebbe 300 milioni di euro contro 4 milardi di una centrale a fissione. Sono stime fatte con semplici proporzioni fatte tra il filamento di Arata (7 grammi) e una resa proporzionale a 10 tonnellate . Ovviamente è una stima ripeto, ma sul costo di una centrale nucleare a fissione sono sicuro : 4 miliardi di euro. E' sicuramente una tecnologia da sviluppare ma sarebbe la soluzione di tutto.

Anonimo ha detto...

Mi sembra strano che una centrale a fissione da 20 Mw (veramente piccola) costi 4 miliardi di euro...

Penso sia necessario valutare la reperibilità ed i costi energetici di estrazione del palladio, quando tali costi saranno confrontabili con quelli degli altri combustibili attualmente utilizzati forse si aprirà uno spiraglio a questa nuova tecnologia.

Deepspace1 ha detto...

http://it.wikipedia.org/wiki/Abbandono_dell'energia_nucleare

Guardati i costi dell'intero ciclo di arrichimento dell'uranio e dell costruzione ...

Anonimo ha detto...

...ho interpellato vari professori universitari per i quali è verosimile che una centrale nucleare costi come impianto sui 2000 euro il kilowatt, quindi con 4 miliardi di euro si potrebbe costruire una centrale da 2000 (duemila) Megawatt che è parecchio grande

tra 2000 e 20 passano due ordini di grandezza...

markogts ha detto...

Stiamo calmi... Sono 20 anni che i ricerrcatori della fusione fredda annunciano sfracelli mapoi non sono in grado di far bollire una caffettiera. Finché non vedo un generatore commerciale che produca centinaia di watt invece milliwatt, non ci crederò.

Nel frattempo, se volete sognare in qualche altra maniera, cercate alla voce Polywell.

Deepspace1 ha detto...

http://titano.sede.enea.it/Stampa/skin2col.php?page=eneaperdettagliofigli&id=127

Questo link dell'enea è molto utile : dice che Il costo dell’EPR da 1600 MWe (il reattore europeo di III Generazione fornito dalla franco-tedesca Areva) è di 3 miliardi di euro. Tenendo conto che hanno sforato il budget del 35 % e non è ancora finito , il costo è 4 miliardi di euro. Poi non teniamo conto del costo del trattamento delle scorie : ripeto con gli stessi soldi potremmo finanziare la fusione fredda e tra 10 anni ci ritroveremo con centrali da sogno! Il nucleare a fissione ormai è un feticcio : l'uranio finirà quindi non risolve per nulla il problema . se quello che volevi farmi notare è l'equivalenza costo/ produzione di energia , ti dico che spenderei volentierei di più per il kilowatt ma vorrei essere indipendente da varie russie o altri paesi..

Anonimo ha detto...

Anch'io la penso come te ma vedi le cose accadono al momento opportuno e dipende dalla saggezza di un popolo non di una scoperta.
Quindi se non accade nulla per ora è perchè la saggezza è ancora una meta da raggiungere. Ci vorranno ancora guerre e divisioni e carestie e forse quando moriranno milioni di persone qualcosa cambierà, la saggezza arriverà perchè l'esperieza avrà superato la fede e l'indedeltà. Quanto ancora? purtroppo o magari non molto. Per ora goditi l'amore dei tuoi cari e divertiti, tanto il meccanismo del ns. sistema è alla fine ma ne inizierà uno nuovo e l'avventura continua, godetevi il viaggio non pensate troppo alla meta, quella non la conosce la gente ma la può percepire poco prima che sta accadendo.

Anonimo ha detto...

http://nextbigfuture.com/2008/05/reproducable-cold-fusion-excess-heat.html

"Actually having a decently funded lab and project ($100 million) and it seems that this should get rolled out in a couple of years. I see rumors in some online discussions (at Slashdot) that Arata and his group have an old Fiat factory in Italy where they are using to produce actual power generation devices."


Questa della FIAT l'avete gia' sentita? mi e' nuova